You are here
Home > Varie ed eventuali > News da Fantasy e Dintorni 21/12/2008

News da Fantasy e Dintorni 21/12/2008

Ed eccoci giunti all’aggiornamento settimanale da Fantasy e Dintorni che propone due succosi articoli: uno sull’espansione di Neverwinter Nights 2 “Storm of Zehir” e l’altro su Prince of Persia. Buona lettura.

Neverwinter Nights 2: Storm of Zehir

La nuova installazione del gruppo Obsidian ci porta ad espandere i nostri orizzonti verso sud, nella selvaggia e pericolosa terra di Chult, dove troveremo abbondanza di giungla e serpenti. Storm of Zehir è il terzo titolo ad uscire dopo l’originale Neverwinter Nights 2 (richiesto per giocare) e The Mask of Betrayer, la prima espansione dove avevamo la possibilità di incontrare Kelemvor in persona e visitare la sua “ridente” cittadina.
In questo capitolo non interpreteremo il protagonista dei precedenti episodi (per motivi più che ovvi, se avete giocato i primi due capitoli), ma un nuovo giocatore di basso livello che, nel peggiore dei cliché, fa naufragio e perde tutto l’equipaggiamento e si trova in una terra ostile senza un minimo di spiegazione sul perché si stesse recando proprio in Chult (visto che dal seguito si capisce quanto la regione sia estremamente chiusa agli stranieri).
La storia in sé è dimenticabile e anch’essa piuttosto stereotipata, veramente sotto tono rispetto ai primi due episodi e appunto, inizia con un naufragio che ci farà arrivare, una volta sconfitti i nemici sulla spiaggia, come prigionieri alla città principale della regione. Qui, per ragioni oscure (se non l’abilità con la spada), entreremo a far parte di una compagnia commerciale e la storia procederà strettamente legata a questa.

Continua a leggere >>

Prince of Persia (2008) – Recensione, Screenshots e Concept Art

Prince of Persia è il nuovo titolo (inteso come gioco…) della fortunata serie sulla quale la Ubisoft nel 2003 ha acquisito i diritti e sviluppato la ormai famosa trilogia delle Sabbie del Tempo.
Questo nuovo capitolo non ha nulla a che vedere con la saga precedente, ma è quasi sicuro che ne aprirà un’altra, sempre che la Ubisoft valuti positive le vendite del gioco. Il nostro Principe infatti viene presentato come un avventuriero (in effetti un profanatore di tombe e il manuale accenna al fatto che “Prince” sia solo un nomignolo… dobbiamo credere ciò che c’è scritto?), ironico, un po’ cinico, fanfarone, e dal passato doloroso (si scopre durante il gioco cosa è capitato alla famiglia, anche se a dire la verità le informazioni sono molto centellinate).
Insomma… non è un sequel della prima trilogia, poiché il terzo capitolo si era in effetti concluso in modo abbastanza chiaro (checché ne dica certa gente), ma presenta un protagonista nuovo sia nel carattere, che nei modi, che nel fisico.

Il Principe

Sì… nel fisico, perché, complici anche le nuove tecnologie, come le DirectX 10, le nuove schede grafiche molto più potenti e dei concept artist evidentemente più vocati all’occidentalizzazione, il nostro Principe si presenta come una via di mezzo tra “Pirati dei Caraibi” e “Bay-Watch”.

Continua a leggere >>

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top