You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > Red Moon Rising RPG Kickstarter: intervista a Paolo Guccione

Red Moon Rising RPG Kickstarter: intervista a Paolo Guccione

Red Moon Rising RPG

Alephtar Games is raising funds for Red Moon Rising RPG on Kickstarter! Roleplaying in the steampunk world of Red Moon Rising using Revolution D100.

Red Moon Rising è prima di tutto uno stupendo webcomic by Rose Loughran, che viene attualmente finanziato tramite Patreon. Ora però potrebbe diventare un gioco di ruolo dal setting davvero interessante, che mescola elementi di sci-fi e steampunk, in un futuro davvero particolare. Un gioco di ruolo fantascientifico in cui potremmo avere infinite possibilità di gioco, supportato dal mondo già esistente e ben strutturato di un webcomic di grande qualità.

red_moon_rising_RPG_Kickstarter_06Potremmo, perché il gioco è su Kickstarter e non ha ancora raggiunto il suo obiettivo. Certo, per ora sarà solo in lingua inglese anche perché Red Moon Rising si basa sul sistema Revolution D100, un adattamento in chiave moderna del classico sistema D100 Chaosium ad opera dell’italiano Paolo Guccione. Molti di voi lo conosceranno per Alephtar Games e Runequest, che segnalammo anche noi in occasione della sua uscita: fino a non molto tempo fa, Alephtar operava anche in Italia ma, da qualche tempo, i loro sforzi si sono comprensibilmente spinti solo verso il mercato estero, molto più ricettivo ai GDR di qualità anche se non super famosi.

Ora, il destino di questo GDR è nelle vostre mani, perché il tempo scarseggia e i backer anche. Per cui, andiamo subito a parlare direttamente con Paolo Guccione! Conosciamolo e facciamogli qualche domanda per capire tutto ciò che possiamo su Red Moon Rising!

Red Moon Rising, l’intervista a Paolo Guccione

Buongiorno Paolo e grazie per esserti messo a nostra disposizione! Dunque, come prima cosa vorremmo sapere un po’ di cose sul tuo pedigree, visto che magari non ti conoscono tutti. Di che razza sei? Taglia? Esperienze pregresse?

La mia scheda personaggio nel Richiamo di Gatthulhu sarebbe all’incirca “Tigre Sognante, Maschio Integro, Razza Mista, Pelo Lungo (da giovane..), Vita Casalinga. Esperienze pregresse: Se vuoi che qualcosa esista fattela da te (cit. D.V. Baker), Prendere su licenza qualcosa da un due-zampe va bene ma prima o poi finirà, Non prendere mai troppo sul serio i due zampe, soprattutto se sei uno di loro.

E per chi non l’avesse capito, sono quello che ha tradotto il Richiamo di Gatthulhu in italiano, anche se mediamente mi interesso più di giochi classici.

red_moon_rising_RPG_Kickstarter_03

Parlaci brevemente del setting, tanto lo sappiamo che alla gente tradizionalista delle regole interessa poco.

Mah, tanto anche a me della gente tradizionalista importa solo che tiri fuori la Visa su Kickstarter. Il setting, beh, innanzitutto il webcomic di Rose mi ha tenuto letteralmente inchiodato alla sedia quando l’ho letto per la prima volta, mi sono divorato 300 pagine in un solo pomeriggio. Dopodiché mi sono reso conto che il mondo di Red Moon Rising praticamente urla “fai di me un gioco di ruolo”.

Aeronavi vittoriane, fucili di precisione e palle di fuoco in abbondanza, riesci a immaginare qualcosa di più figoso? E se non si fosse capito dal fatto che ho commissionato due illustrazioni a Rose stessa e ho fatto fare la copertina a Daniel in stile platealmente steampunk, ritengo che Revolution D100 gestisca molto bene questo particolare genere.

red_moon_rising_RPG_Kickstarter_01

Ora parlaci delle regole, tanto lo sappiamo che ai giocatori moderni del setting interessa poco.

“Color” prego, se dici setting ti prendono per un infiltrato par.., ehm, per un infiltrato tradizionalista. (NDR: no Paolo, parlavo proprio di setting. Che sia approfondito da manuale è una cosa che fa persino arrabbiare alcuni appassionati, il color non c’entra niente e quello si deve essere approfondito da manuale)

Le regole nascono per due ottimi motivi. Il primo è relativo alla mia esperienza numero due (vedi sopra), nel senso che presagivo che le licenze potessero un giorno starmi strette e desideravo rendermi indipendente. Il secondo è che ho sempre sentito gli autori “ufficiali” di GdR sostenere che un gioco che dà totale libertà nel descrivere il personaggio e le azioni fosse realizzabile solo eliminando tutti i dettagli “crunchosi” e derivati dai wargame presenti nei regolamenti classici. E non ho mai capito perché: mi è sempre sembrata una gettata via del bambino con l’acqua sporca.

Ecco, Revolution D100 cerca di realizzare questa impresa impossibile: ti consente di passare da una gestione dell’avventura estremamente discorsiva e totalmente avulsa da regole “da wargame” a una gestione avanzata del combattimento (che comunque è opzionale) così crunchosa che ti misura i decimetri della lunghezza di un’arma. Il tutto nella stessa serata di gioco, e con un regolamento che rimane sempre consistente nel passare da una modalità all’altra. Immagina di potere giocare in contemporanea Fate e GURPS, l’idea è quella

E ora la domanda ovvia! Come mai in inglese e non bilingue? Spiegalo ai non addetti ai lavori, va…

Il Kickstarter bilingue, cosa molto di moda tra gli autori italiani per adesso, è una cosa che francamente mi convince poco. I costi di produzione non dico che siano doppi, ma ci si avvicinano abbastanza, per cui devi calibrare su un costo molto più elevato la somma finale, e se il gioco non ha il successo sperato in una delle lingue metti a repentaglio il risultato nell’altra. E soprattutto, il sistema base non è ancora tradotto, quindi non era pensabile in ogni caso di fare un bilingue.

Se il gioco ha successo, potremmo pensare a una traduzione di Rd100, che necessariamente si porterebbe appresso Red Moon Rising come supplemento.

red_moon_rising_RPG_Kickstarter_04

Ma questo D100 Revolution, visto che se n’è parlato nel più importante gruppo DGR d’Italia, perché lo hai creato? Cos’ha di meglio del D100 Chaosium? Per chi è appetibile?

Sul perché lo ho creato, in pratica ti ho già risposto sopra.

Sul che cosa ha di meglio del D100 Chaosium (sistema che conosco un attimino…), posso rispondere che la differenza non è tanto il regolamento, che comunque è differente, ma la politica di sviluppo e supporto. Noi intendiamo fare quello che la (nuova) Chaosium non vuole assolutamente fare, ossia proporre un modello in cui c’è comunque un libro base omnicomprensivo, e poi ci sono vari setting, alcuni dei quali includono una versione modificata del regolamento, mentre altri no. Questo modello di produzione la Chaosium lo ha ripudiato in modo netto sostenendo che non funziona e che dà origine a giochi mediocri, mentre noi riteniamo, basandoci anche sul successo di linee di gdr come Savage Worlds e GURPS, che sia un modello valido.

Sul pubblico potenziale, penso che possano essere quei giocatori che quando giocano a Rolemaster sentono la mancanza della libertà offerta da Fate, e quando giocano a Fate sentono la mancanza del livello di dettaglio di Rolemaster. E secondo me sono molti di più di quello che sembra, solo che a furia di guerre di religione i fan di Rolemaster sono stati indotti a odiare Fate e viceversa.

E se il Kickstarter non andasse in porto? Voglio dire, io il gioco lo voglio. E quindi che si fa?

red_moon_rising_RPG_Kickstarter_02Purtroppo non potremo facilmente fare quello che abbiamo fatto per RuneQuest 6 italiano, ossia produrre il gioco anche se non va in porto il Kickstarter. RQ6 era previsto fin dall’inizio come una produzione “povera”, mentre per Red Moon Rising dobbiamo produrre almeno QUATTRO volumi deluxe a colori su carta patinata. E questo costa, sia come impaginazione che come stampa.
Quindi se volete il gioco… mettete mano alla suddetta Visa e/o convincete tutti un amico a fare altrettanto!

A proposito, ma perché poi Kickstarter non accetta PayPal? Mi sa che dalla prossima volta torno a Ulule, è molto più creator friendly!

(NDR: perché Paypal, per regolamento, prevede che il VENDITORE consegni il prodotto entro un certo numero di giorni. Cosa impossibile con un progetto di crowdfunding. Inoltre, Paypal ha un programma di rimborso per gli acquirenti e i servizi di crowdfunding andrebbero in fallimento se tutti chiedessero un rimborso. Inoltre, Kickstarter non ti fa pagare con carta al momento del pledge: ti fa solo il blocco sulla carta, il pre-acquisto. Se il progetto fallisce, ti restituisce i soldi. Tutta roba che con Paypal sarebbe da impossibile a molto complicata. Sul come Ulule riesca a supportarlo, onestamente non so rispondere ma avrà accordi particolari.)

Ricordate che potete supportare il gioco in questa pagina!

thedarkmaster
Attualmente, Luca è articolista presso vari blog, lavora come progettista architettonico e designer ed è fondatore della casa editrice Acchiappasogni. Da quando ne ha memoria, è sempre stato un grandissimo appassionato di Giochi di Ruolo, letteratura fantasy e fantascientifica. Tra le sue opere più note, ricordiamo Destino Oscuro GDR, Musha Shugyo RPG, Darkmoor RPG e tutti i giochi e ambientazioni che ruotano attorno a questi sistemi!
http://www.acchiappasogni.org

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top