You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > Nameless Land: Il Gioco di Ruolo di Eleven Aces

Nameless Land: Il Gioco di Ruolo di Eleven Aces

Oggi ospitiamo sul GdR Blog il progetto di alcuni miei concittadini: il “Gruppo Eleven Aces” che ha in cantiere un gioco di ruolo post-apocalittico denominato “Nameless Land”. Gioco di Ruolo che abbiamo avuto il piacere di provare in anteprima a “Divulga il tuo Gioco” presso l’edizione 2012 di Ludicomix e ci ha fatto un’ottima impressione.

Nameless Land Logo

“Ho smesso di udire i miei passi ormai da giorni: quel costante picchiettio aveva un modo tutto suo di tenermi compagnia… L’unico che ricordo.
E’ notte e non sono riuscito a trovare un riparo… La fortuna ha deciso di non arridermi stavolta, non come i rottami di quell’aereo scovati ieri in mezzo al nulla. Sarebbe stato un buon posto in cui potermi stabilire per un po’, ma la Nube sta quasi per raggiungermi ed anche dormendo due ore a notte e viaggiando tutto il giorno non riesco mai ad allontanarmi abbastanza. Prima o poi si fermerà, ma non oggi, questo è certo.
E’ buio ormai ed il fuoco che mi sta riscaldando le nocche scorticate mentre cerco di scrivere queste due righe è anche fin troppo “vistoso”. Ma anche se qualche abominio figlio di cane decidesse di farsi avanti, chi se ne fotte ormai.

Oggi mi sono addentrato nell’Insediamento di Pietra-Gamma, ad est delle Zone Marce: il giornale aveva detto che qualcuno l’aveva raso al suolo, ma nelle prossime notizie sarà di certo scritto che diversi sciacalli e gruppi di inquietanti Iene hanno già saccheggiato a fondo ciò che ne rimaneva… sono riuscito a trovare una scarpa in uno stato mediocre, un paio di bossoli, una manciata di Boinn scampata alle razzie e poco altro.
Ironico, adesso sta finendo anche l’inchiostro di questa maledetta penna. Non so neanche perché stia continuando a scrivere certe stronzate, come se a qualcuno potessero mai interessare.

Ma adesso basta… sono stanco, come sempre ormai… devo riposare prima di ripartire… già, ripartire… e se… stanotte dormissi un po’… di più…? …”

Razziatori Nameless LandTre secoli sono passati dal Grande Disastro, da quel giorno nel lontano 2052 in cui il mondo cadde nell’era più buia della storia dell’umanità. Non a causa di un conflitto mondiale, non per colpa di un qualche cataclisma o evento mistico predetto, ma per far si che questo rinascesse in una nuova epoca… o almeno questo era ciò che pensavano gli esponenti del #R.O.O.T., un’organizzazione fantasma che da più di duecento anni si stava lentamente insinuando in ogni organo di governo e potere militare, un gruppo ristretto di uomini e donne che miravano ad una ricostruzione del mondo sotto il controllo della pura tecnologia, l’unica rimasta nelle loro mani una volta fatto bruciare e contorcere l’intero pianeta.
Ma niente poté fermare la rabbia e la furia del Nuovo Mondo, che uccise uno dopo l’altro tutti gli esponenti (o quasi…) del #R.O.O.T. fino a quel momento rimasti al sicuro nelle loro basi sotterranee. E non fu clemente neanche con i pochi sopravvissuti innocenti, che vennero decimati dalle radiazioni, dall’inverno nucleare e dai fiumi di lava che imperversavano sulle terre un tempo verdi e rigogliose.
Ma l’essere umano ancora una volta era destinato a rialzarsi e ad andare avanti nonostante tutto, lottando giorno dopo giorno con la fame, la sete, le malattie, la violenza dei più forti e la morte dei più deboli. Forse l’ennesima beffa di un mondo che tenta tutt’ora di prenderci in giro, vedendoci alla stregua di formiche in fuga dopo che il proprio nido è stato schiacciato da uno stronzetto qualunque.
Con il tempo crebbero insediamenti, altre guerre vennero combattute dagli Otto Dominatori per il controllo delle terre devastate del Nuovo Mondo, mentre storici e studiosi cercarono (come tutt’oggi) di riportare ogni possibile avvenimento ed analizzare le bizzarrie di una realtà mutata in tutta la sua totalità.

Violenza, dolore e sofferenza sono all’ordine del giorno nel mondo di Nameless Land. Sacrificio e dure scelte decidono la vita o la morte degli avventurieri, che dovranno essere pronti a tutto per sopravvivere… non esistono eroi, non vi sono fighi e spavaldi viaggiatori con spacconerie in grado di salvarli da ogni situazione.
Nel Nuovo Mondo la gente muore ed ogni viandante male organizzato scoprirà ben presto quanto questo possa essere facile… e non sempre rapido.

Il gioco di Nameless Land

Dopo una breve infarinatura di quella che è l’ambientazione ed un pizzico di Background (un po’ scarno, ma sarebbe un dilungarsi troppo anche solo a tentare di riassumerlo :p), passiamo a porci giusto qualche domanda su Nameless Land. Intanto, che è!? Si tratta di un Gioco Di Ruolo Cartaceo Post-Apocalittico, in cui i giocatori, guidati da un Artefice (master, narratore o con qualsiasi nome questo si voglia chiamare) si troveranno ad interpretare i Figli del Nuovo Mondo, avventurieri sopravvissuti nati sotto la buia stella dell’era Post-apocalittica. Il gioco sfrutta il tiro dei Dadi, prevalentemente di un D% (vengono anche usati, seppure in maniera minore, i D4, D6, D8 e D10), al fine di rappresentare il fine delle azioni intraprese dai personaggi: come ad esempio sapersi orientare nel deserto, barattare cianfrusaglie trovate nella spazzatura, controllare un potere sovrumano, far gridare le proprie bocche da fuoco e via dicendo.

Per Nameless Land è stato volutamente ricercato uno stile classico di creazione ed interazione con il personaggio, fatto di caratteristiche (Forza, Prontezza, Salute, Intelligenza, Percezione e Fortuna) ed abilità. Maneggiando con cura ed attenzione tali aspetti, viene ricreata una miscela ricolma di novità, adattata il più realisticamente possibile da un punto di vista di sopravvivenza estrema, unito ad un ragionevole spettro di resistenza del personaggio che potrà così immergersi in combattimenti dalla componente strategica e quanto più fluida possibile, come tutto il resto delle regole.
Per quanto riguarda il lato della sopravvivenza, vengono ad esempio controllati i livelli di fame e disidratazione del personaggio, le radiazioni possibilmente contratte lungo il corso del viaggio, così come i veleni e le malattie tipiche del Nuovo Mondo.
Per quanto riguarda la componente degli scontri invece, vengono usati gli Slot Azione, necessari al personaggio al fine di creare combinazioni combattive che vedranno sfruttare ogni aspetto di una tipica situazione di tensione in battaglia. In questi casi il personaggio potrà persino organizzare il proprio equipaggiamento in modo tale da essere sempre pronto a mettere mano alle proprie armi ed utilità durante uno scontro, senza perdere tempo a cercarle in un’ingombrante sacca da viaggio.

OutfitOltre alle varie componenti di sopravvivenza realistica, vi è ovviamente anche un corrispondente scenario di fantascienza, nella quale il personaggio potrà immergersi contraendo o “impossessandosi” di svariate mutazioni (benevole o meno), acquistando impianti biomeccanici ed armi dalle più comuni e rozze alle più bizzarre e futuristiche, come cannoni a congelamento, fucili simbiotici in grado di assorbire linfa vitale, armi alimentate a Carbotone (il nuovo materiale che nel Nuovo Mondo ha rimpiazzato ed ampliato gli utilizzi del vecchio petrolio) e così via. Non è stato inoltre tralasciato un lato più sconosciuto ed occulto, che vedrà una serie di pericolosi poteri sovrannaturali derivati da rare anomalie causate dalle esplosioni, e con i quali un personaggio potrà entrare in contatto.

Tutto questo, unito ad un’ampia e caratteristica ambientazione a livello globale, ricca di spunti anche per le più svariate avventure (che siano queste di pura sopravvivenza, di azione ininterrotta o di semplice tensione dai profili horror), rendono il paesaggio di Nameless Land un mondo in continua espansione in grado di portare ogni volta a situazioni di interpretazione e gioco uniche e distintive.

Questo è quanto, almeno in linea generale :).
Il gioco in se prevede di vedere la luce nella prima metà del nuovo anno (incrociando le dita!) e per qualsiasi curiosità o maggiori delucidazioni (purtroppo non siamo in grado in poche righe di dettagliare maggiormente il tutto) potrete trovarci sia su Facebook, che sul nostro Blog ufficiale.

Grazie allo staff di GDR Blog che ci ha permesso di presentare questo piccolo articolo e a tutti coloro che si sono e che speriamo vorranno continuare ad interessarsi al nostro omaggio al mondo del post-apocalisse.

Divertirsi, questo è il solo scopo… Quando questo accorgimento cessa di esistere, lo stesso accade al gioco e sfuma ogni buon proposito per il quale è stato creato.

Nameless Land: Figli del Nuovo Mondo
Ideato da: gruppo Eleven Aces
Disegni di: Biagio D’Alessandro

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top