You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > Il Mio Fantasy nuovo gioco di ruolo della Vas Quas Editrice

Il Mio Fantasy nuovo gioco di ruolo della Vas Quas Editrice

il mio fantasy: gioco di ruolo

“Un’oscura minaccia si è risvegliata! Ne avete riconosciuto i segni, una morsa di gelo attorno al cuore; ne avete sentito echeggiare i primi vagiti, suoni così mostruosi da far tremare di paura le montagne. Nell’oscurità, quando ogni luce lascia il posto al gelo e al buio, ne avete scorto la terribile figura. Ed è stato subito chiaro: nessuno è più al sicuro!
Ma nessuno vi crede. E mentre iniziate a dubitare di voi stessi, sentite nel cuore una chiamata. Siete Eroi, l’unica speranza di un mondo che sta per affrontare il suo più grande nemico. Quando giunge l’ultima ora, sapete di non poter rimanere a guardare.
Sfoderate le spade e allacciate gli stivali, eroi, il vostro viaggio ha inizio. Davanti a voi, l’avversario. Dietro di voi, i vostri affetti, la vostra terra, la vostra casa. Avrete il coraggio di non guardarvi indietro?”

Il Mio Fantasy

Così ci introduce al manuale Il Mio Fantasy nuovo gioco della Vas Quas Editrice uscito poco dopo Modena Play nel quale ti troverai ad interpretare un Eroe che deve salvare il mondo da un’oscura Minaccia. Il Mio Fantasy non è il classico gioco Fantasy, almeno non per tema, l’eroe che interpreteri infatti, oltre ad essere molto potente (potrebbe essere in grado di affrontare un intero esercito e sperare di venirne fuori vivo), ha sentimenti, paure e remore che possono spingerlo a dubitare dell’avventura che sta vivendo, addirittura qualcuno potrebbe anche tirarsi indietro.

Il regolamento

Il regolamento de “Il Mio Fantasy” è snello, si tratta di un sistema a pool di d6 molto semplice e bilanciato. Il manuale promette di far durare un’intera partita un paio di sessioni (all’incirca 4 ore di gioco effettive), rendendo questo gioco adatto anche ad esser giocato in una sola serata. Per chi ama le campagne, prevede anche la possibilità di continuare a giocare con gli stessi personaggi ormai invecchiati o i loro figli, creando una sorta di saga.

Creazione del Personaggio

La creazione del personaggio è molto veloce, dovrai scegliere un tipo fra i tre disponibili: Mago, Esploratore e Guerriero, il tipo è una sorta di Classe/Professione ma di base c’è un gran numero di cose che ogni PG sa fare. Ad esempio creando un Mago, questi sarà uno dei maghi più potenti al mondo, conoscerà ogni tipo di magia di qualunque scuola. In seguito è possibile personalizzare il Tipo con delle “possibilità” (abilità speciali), di fatto specializzandolo in qualche tipo di sortilegio e rendendo così ogni personaggio unico. L’aspetto particolarmente interessante è che i personaggi non hanno vere e proprie statistiche, ma soltanto una lista di possibilità che potranno sfruttare mettendole in gioco. L’ultima parte della creazione del personaggio è legata principalmente a definire i legami fra i vari membri del gruppo e soprattutto nel creare legami con il passato, cioè quello che il personaggio lascia indietro partendo per l’avventura epica, ad esempio il manuale ci suggerisce di lasciare il legame con una persona amata, ma anche con uno stile di vita che per forza di cosa dovrà abbandonare. L’altra metà dei legami invece è legata ad un membro del gruppo e a qualcosa che spinge il personaggio a lanciarsi nell’impresa.

Sviluppo del Gioco

Il gioco inizia con una prima missione legata a qualche segno visto nel cielo, oppure durante un rituale di magia. Sarà questo primo input a far partire la missione e a mettere in viaggio i personaggi. Evidente sin dai primi momenti che il gioco non prevede un GM classico o un Giocatore classico, infatti sono i Giocatori a scegliere come la prima scena ha inizio, mentre il GM avrà il compito di complicare la situazione aggiungendo dettagli o condizioni oppure introducendo ostacoli. I conflitti vengono gestiti con un sistema a pool molto semplice, in cui mettendo in gioco il Tipo di personaggio, o una o più delle possibilità speciali del nostro personaggio otteniamo bonus. La particolarità risiede nell’atto eroico: ovvero se si fallisce un conflitto e, per esempio, il fallimento eliminerebbe il personaggio (“fuori gioco”), un personaggio può sacrificarsi al posto di un altro salvandogli la vita e permettendogli di completare la missione!
E’ molto interessante inoltre il modo in cui vengono gestite le scene di recupero o legame: in pratica sono scene in cui i giocatori sono in una locanda a parlare dopo aver superato una parte della loro avventura, oppure sono in viaggio a cavallo verso un’altra città ed è in queste scene che i giocatori devono mettere in gioco i Legami che hanno usato nei precedenti conflitti, creando scene in cui i giocatori parlano dei loro dubbi nel continuare l’avventura, oppure iniziano a sentire la mancanza della loro casa e della loro terra rendendo i personaggi man mano che l’avventura va avanti sempre più profondi. Tutto questo è regolamentato, in pratica dovrai mettere in campo ed interpretare i legami con il passato e quelli con il presente utilizzati. Se ad esempio avessi usato solo legami con il passato, è chiaro che il personaggio prova nostalgia ed è sul punto di desistere. Starà agli altri membri del gruppo convincerlo a rimanere in gioco.
In tutto questo, ovviamente, si aggiunge la Minaccia che man mano diventa sempre più pericolosa e sempre più incombente. L’ultima missione è particolare perché determina l’epilogo dell’avventura. In questa ultima missione il finale non è affatto scontato, potrebbe succedere che tutto il gruppo muoia o che solo alcuni riescano effettivamente ad arrivare trionfanti al finale (questo darebbe sicuro spunto per rigiocare Il Mio Fantasy, magari cercando vendetta per i compagni caduti in battagia) in quest’ultima scena meccanicamente cambia l’atto eroico: compiendolo il personaggio muore (non si limita ad uscire dal gioco per una scena) ma avendo fatto l’atto eroico, l’azione che era fallita riesce. E’ molto facile dunque che nello scontro finale un compagno di viaggio si sacrifichi per distruggere l’ultimo avversario e fermare la minaccia.

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top