You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > Pathfinder GDR – Le Cronache del Trono Cremisi – Il Velo si diffonde

Pathfinder GDR – Le Cronache del Trono Cremisi – Il Velo si diffonde

Mese di Neth, giorno 28

Mi sembra passata un’eternità da quando ho scritto l’ultima volta questo diario, ma in realtà sono passate solo poche settimane, però di eventi ne sono accaduti fin troppi.

Sono cambiato, lo sento. Ho perso fiducia nei miei governanti e nelle guardie che dovrebbero proteggere i cittadini di questa splendida città, la MIA città. No, in lei non ho mai perso fiducia. Korvosa supererà anche questo.

L’ultima volta che ho scritto era appena iniziata la diffusione del Velo di Sangue, ormai vedere cadaveri per strada dovuti a questa epidemia è all’ordine del giorno, ma andiamo con ordine.

Medici della Regina
Medici della Regina

La risposta della regina alla piaga che ha infettato Korvosa è stata l’istituzione di due ordini. L’ordine dei fisici della regina, guidati da un uomo chiamato Dr. Davaulus, uomini che indossano costantemente delle maschere dalla forma simile a quella di un corvo, e l’istituzione del corpo di guardia delle Vergini Grigie, guidate dalla guardia del corpo personale della regina Sabina Merrin, donne in armatura completa e una lunga mantella color rosso sangue. Queste ultime, a detta di Bartolomeo, avevano un animo profondamente maligno e non si può certo dire che ispirassero un senso di sicurezza, ma di timore.

Noi, come sempre, abbiamo fatto del nostro meglio per aiutare la guardia cittadina, o meglio, per aiutare i cittadini. Il maresciallo era profondamente seccata dalla situazione, ormai le guardie erano diventate i cagnolini dei fisici e dovevano scattare ad ogni ordine delle Vergini Grigie. Noi abbiamo ripulito la città da qualche vampiro, evitato una guerra con i ratti mannari che vivono nelle fogne e smascherato una tipa che vendeva acqua sporca come una cura miracolosa al Velo. Quest’ultima, inoltre, al momento di farla arrestare, la abbiamo trovata morta con un bigliettino di saluti firmato Devargo Barvasi. Quel cane è tornato in città, o forse non se ne è mai andato.

Dr. Davaulus
Dr. Davaulus

In tutto questo abbiamo perso due compagni, ma non nel senso che sono morti, semplicemente avevano altre cose da fare. Bartolomeo ha deciso di stare vicino a sua figlia data la situazione pericolosa. Khoral, non lo so. Forse si è spaventato per ciò che la malattia può fare ad una persona e si è stancato di essere trattato a pesci in faccia da chiunque nonostante quello che facciamo per la città.

La nostra ultima scoperta più grande è stata quando abbiamo risolto la questione dei ratti mannari. Ci hanno indicato come punto di partenza del velo di sangue la nave affondata un mese fa. A quanto pare, quando la nave è stata affondata, diversi scrigni legati a delle assi di legno sono giunti fino a riva. Questi scrigni contenevano monete. Siamo andati a controllare la nave, non senza difficoltà dato che vi abbiamo trovato all’interno una megera. Comunque sia, abbiamo trovato uno di questi scrigni ed era un oggetto magico. In pratica qualunque oggetto posto all’interno sarebbe diventato portatore della malattia messa nello scrigno, in questo caso il velo di sangue, per una settimana per poi tornare ad essere un comunissimo oggetto. Mettendoci delle monete il passamano è stato pazzesco, ecco come ha fatto a diffondersi così in fretta.

Inoltre, nella cabina del capitano vi era un cadavere con dei documenti, il cadavere portava sul volto una delle maschere dei fisici della regina e il proprietario della nave altri non era che il Dr. Davaulus. Fatto presente tutto questo al maresciallo è stato emanato un ordine di cattura per Davaulus, ma la regina ha lasciato i suoi fisici ad occuparsi della malattia. Vero, questo ho dimenticato di scriverlo. A tutti i sacerdoti è stato proibito guarire il Velo di Sangue per evitare assembramenti nei templi, invece solo i fisici sono autorizzati a tali trattamenti. I pazienti sarebbero stati portati in una struttura non ben precisata dove avrebbero ricevuto cure evitando di propagare il contagio.

Ordine delle Vergini Grigie
Ordine delle Vergini Grigie

Inoltre ieri abbiamo svolto un altro incarico. Un giovane musico varisiano era scomparso e sua sorella ci ha mandato a cercarlo presso una magione, la magione dei Carowyn dato che il giovane Ruan era stato ingaggiato per suonare lì. Una volta lì abbiamo assistito a scene raccapriccianti. Gli invitati erano stati brutalmente uccisi e rianimati come zombi, alcuni di questi avevano ricevuto comandi assurdi che imitavano il comportamento dei vivi, come osservare quadri, tagliare carne, banchettare ad un tavolo. Lì abbiamo catturato una persona, un’elfa, completamente uscita di senno. A quanto pare non era sola, qualcuno, un uomo vestita di nero, era con lei il giorno prima. Dato il livello di incantesimi utilizzato temo si tratti del necromante Rolth. Fatto sta che del giovane Ruan non vi era nessuna traccia, quindi siamo dovuti tornare a mani vuote. Almeno abbiamo salvato lord Carowyn che si era chiuso in cantina. Non è stata una completa perdita di tempo, per non parlare dei non morti distrutti.

Ieri sera, infine, una volta fatto rapporto al maresciallo, ci è stato assegnato un nuovo compagno. A quanto pare è un amico di Bartolomeo. Anche lui è un paladino dell’Erede, Sir Osric. gli ho spiegato un po’ la situazione e per far prima gli ho fatto leggere il diario per rimetterlo in pari con quanto ci è accaduto fin’ora. Cosa ci riserverà il futuro non lo sappiamo, sappiamo solo che dobbiamo fare di tutto per mettere fine al velo di sangue e trovare una cura una volta per tutte.

raffydark
Sono un appassionato di qualunque tipo di gdr anche se prediligo il genere fantasy classico. Mi piace sperimentare nuovi giochi di ruolo e cercare di coinvolgere più gente possibile con la mia passione

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top