You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > D&D ed il Necromante (parte 2): Il chierico

D&D ed il Necromante (parte 2): Il chierico

Nel primo articolo ho trattato la figura del necromante in generale in D&D 3.5, adesso è giunto il momento di scendere nel dettaglio. Ci occupiamo nei prossimi 3 articoli delle linee guida per partire bene con il chierico, il mago o il necromante del terrore.

Chierico

Primo livello
Questo è il momento della grande scelta: le priorità. Se l’avventura è ambientata nei forgotten realms devi scegliere una divinità, altrimenti ti sarà sufficiente scegliere due domini. La scelta è sostanzialmente obbligata: male e morte. Il dominio del male fa aumentare il livello da incantatore, il dominio della morte aumenta il numero massimo di dadi vita di non morti che sei in grado di controllare del 50%. Scegli il talento iniziale, la razza e le abilità. Scegli qualcosa che ti possa condurre nel minor tempo possibile a soddisfare i requisiti per la classe di prestigio che hai in mente. Le opzioni, ad ogni modo, non sono molte. Un buon talento potrebbe essere “corpse crafting” (artigiano dei cadaveri lo trovi sul manuale “liber mortis”) che inizialmente è inutile ma i talenti che prenderai non saranno molti quindi è meglio cominciare con qualcosa che ti sarà utile sul lungo periodo. Per quanto riguarda le abilità potrebbe interessarti “cavalcare” se hai in mente il bone knight (lo trovi sul manuale “5 nazioni”).

Strategicamente parlando, al primo livello, non puoi nemmeno muoverti ed attaccare nello stesso round a causa dell’attacco base a 0 e difficilmente avrai indosso una buona armatura quindi il mio consiglio è: prenditi uno scudo e lancia giavellotti da lontano. Se i nemici si avvicinano impugna la morning star.

Secondo Livello
Non c’è scelta a questo livello. Magari potresti permetterti un’armatura decente e con l’innalzamento dell’attacco base a +1 potresti incarnare il ruolo del tank puro e semplice. Dovresti preparare incantesimi di cura se vuoi curare gli altri membri del party, però ricordati di curare solo dopo la fine del combattimento; in combattimento hai di meglio da fare 😉

Terzo Livello
Scegli un talento. Se non l’hai già preso al primo livello questo è il momento di prendere “corpse crafting”. Adesso puoi lanciare “blocca persona” quindi puoi già cominciare a spostare il baricentro verso lo spellcaster.

Quarto Livello
Hai continuato a guadagnare attacco base e hai a disposizione alcuni incantesimi “save-or-dye” (ottieni successo nel tiro salvezza o muori) quindi sei diventato un discreto ibrido.

Quinto Livello
Animare i morti!!! Finalmente “corpse crafting”, dopo una lunga attesa, ti ripaga ampiamente. Sei in grado di animare i non morti in aree dissacrate con ottimi bonus.

Sesto Livello
Prendi un altro talento in “corpse crafting”. Continua a prendere questi talenti finché non completi i bonus da dare ai non morti.

Settimo Livello
Improvvisamente sei in grado di sconfiggere qualunque combattente grazie a “divine power”. La cosa bella è che da ora in poi sarà così per sempre.

Ottavo Livello
Infine è giunto il momento di raccogliere quanto seminato fin qui. L’ottavo è il livello in cui conviene passare ad una classe di prestigio, possibilmente (ma non necessariamente) una di quelle con il +1 al livello dell’incantatore.

Nei prossimi capitoli ci andremo ad occupare del mago e del Necromante del terrore.

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top