You are here
Home > Giochi di Ruolo Cartacei > Cos’è the burning wheel?

Cos’è the burning wheel?

The burning wheel è un gioco di ruolo fantasy indipendente scritto e pubblicato nel 2002 da Luke Crane e rappresenta una delle pietre miliari della scena indie mondiale.

La meccanica di gioco è basata esclusivamente sui dadi a 6 facce standard per la risoluzione delle manovre, e un sistema definito prior-experience (esperienza antecedente) che tiene traccia del background del personaggio dalla nascita fino al momento in cui l’avventura inizia.
A differenza di molti altri GdR – ma come facevano invece i primi giochi di ruolo – the burning wheel non ha un’ambientazione integrata. L’impostazione delle regole e delle meccaniche unite all’esperienza antecedente lasciano subodorare un’ambientazione di tipo fantasy, di fatto però, questa impostazione, può essere facilmente modificata e stravolta.
Il nucleo del gioco è composto da due volumi: il “Burning Wheel”, contenente regole e meccaniche, e il “character Burner”, con life paths (percorsi) per la creazione di esseri umani, Nani, Elfi, Orchi ecc come personaggi, fornendo inoltre eccezioni o aggiunte alle meccaniche globali di gioco. Gli esseri umani hanno accesso a sorcery (tregoneria) e miraculous faiths (miracoli), gli elfi hanno grief statistic (dolore) e spell-songs (canzoni del potere), i nani hanno greed (avidità) e gli orchi blasphemous hatred (odio blasfemo). Le espansioni introducono ulteriori razze come gli Elfi Oscuri, che hanno trasformato il loro dolore in murderous spite (ritorsione omicida).
Il supplemento “Monster Burner” include mostri precostruiti e meccaniche per la creazione di altri mostri (tipo mostri fai da tè, scusate la banalizzazione). Questo volume contiene anche quattro nuove razze complete per BW: Great Wolves, Roden, Great Spiders, e Troll.
Il supplemento “Magic Burner” è stato rilasciato nel mese di agosto del 2008 e rappresenta un’espansione alle limitate regole contenute nel manuale base a proposito di magia. Nuove forme di magia come la death magic (magia della morte), spirit summoning (evocazione di spiriti). Introduce, inoltre, un sistema per la creazione di altri incantesimi e le regole per la magia on the fly (al volo). Questo volume contiene anche ulteriori caratteristiche e abilità che potrebbero essere necessarie per la creazione di personaggi maghi.

Il gioco ha, adesso, tre ambientazioni dedicate:
Gennaio 2004: “Under a Serpent Sun“, descritto come “disperazione suicida post-apocalittica nelle terre desolate”.
Agosto 2005: “Burning Sands: Jihad“, un’espansione fantascientifica delle guerra di religione. Un blog associato con i creatori di Burning Wheel descrive questa espansione come basata sulla serie “Dune”.
Agosto 2007: “The Blossoms are Falling“, ambientazione giapponese in epoca Heian. “temibili Bushi intrappolati tra onore e vergogna, saggi Shintoisti sacerdoti che cercano di placare gli spiriti che proteggono Nihon, potenti monaci buddisti che pregano per le anime dei morti mentre intessono giochi politici a corte, e potenti cortigiani in lotta per il controllo dello stato che non c’è”.

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA

*

Top